Pubblicato in: Senza categoria

Continuando…

Racconta G.B. Marino nel poemetto dedicato alla ninfa:
«Non disse più, però ch’alfin s’accorse
esser cangiata in trionfal alloro
colei, che ‘n volto umano tanto gli piacque,
e vide mezzo ancor tra bionda e verde
l’oro del crespo crin moversi a l’aura,
e sentì nel toccar l’amto legno
sotto la viva e tenerella buccia
tremar le vene e palpitar le fibre.
Colà fermossi e con sospiri e pianti
Tra le braccia le strinse, e mille e mille
vani le porse, e ‘ntempestivi baci.
Indi de’ sacri ed onorati fregi
del novello arboscel cinta la fronte,
coronatane ancor l’aurea cetra,
de l’avorio fecondo in atto mesto
sospeso il peso a l’omero chimato
e col dolce arco della destra mosso
tutte scorrendo le loquaci fila,
cantò l’historia dolorosa e trista
de’ suoi lugubri e sventurati amori»

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...