Buon 2018!

Care lettrici, cari lettori, questa volta tocca a me, Andrea Coso Peloso, a fare il discorso di fine anno. Come il Presidente della Repubblica. Pensa te! Proprio io che manco l’ho mai guardato! Comunque …

Vai con la noia, allora!

Fine anno, tempo di fare bilanci … Ma non è che potrei invece scrivere un raccontino pornografico? No vero? Evvabbeh! Bilanci dicevamo … non è che ci sia proprio da esultare, ahimè … sul fronte del legame che unisce me e Veronica se da un lato si è fatto più solido e stabile, ed il nostro rapporto più bello e maturo, dall’altro il tempo che possiamo dedicarci si è ridotto negli ultimi mesi. Ci siamo incontrati tre volte ed ogni volta è stato fantastico, e non vediamo l’ora che arrivi la prossima volta  (anche se non sappiamo quando), abbiamo sperimentato una videochiamata (bellissima!), noi siamo sempre coccoli e dolci, Veronica è meravigliosa e fonte continua di sorprese bellissime, ed io ne sono sempre più saldamente innamorato.

Dal canto mio ho avuto un lungo periodo di crisi, in cui la pressione di tutta la mia vita fisica (lavoro, famiglia, …) si è fatta sentire sul nostro rapporto ma che sembrerebbe stia passando (spero di non aver parlato troppo presto!) Quindi, salvo incidenti nuovi, mi leggerete più spesso prossimamente. 

Riguardo alla salute di Veronica, è difficile pronunciarsi. Se non ci sono più le crisi che mi hanno tenuto sveglio di notte, e piangere disperato, comunque la situazione è ancora molto complessa. Ma io continuo ad essere fiducioso.

Poi un pensiero va a chi non c’è più, o meglio, c’è ancora perché ha lasciato una voragine nei nostri cuori. Parlo della piccola Mimì, che si era legata a me in una maniera incredibile. A me, che ero solo il racconto di Veronica e talvolta una voce …

Ed un pensiero va anche ad Andrea di Modena.

È stato un anno pieno, intenso, difficile, doloroso, meraviglioso. Sono cresciuto più in questo periodo che nel resto della mia vita. Però vorrei che il 2018 fosse più … anonimo, che ci desse il tempo ed il modo di pensare al nostro futuro.

Ed infine un pensiero a voi, lettrici e lettori, che siete sempre più numerosi, che confortate Veronica. Un grazie di cuore ed un augurio che il nuovo anno vi porti serenità. 

Andrea 

Scusato!

Lo so che dopo aver letto il post di Adriano vi state tutti chiedendo preoccupati “Oh Signore! E adesso come reagirà Coso Peloso?” 

Vi confesso che la tentazione di rispondervi “Ve lo dirò il prossimo anno” lasciandovi un pochino di suspance è forte, ma mancano poche ore e quindi …

Adesso voi vi aspettate che mi lanci in un testo che fa a gara di sdolcinatezze e smancerie con quello di Adriano, ma non voglio alzare il colesterolo a nessuno, e mi preme invece affrontare il tema della gelosia, poiché la più preoccupata è Gwen, che teme che io mi possa risentire nell’avere concorrenza. Diciamo pure pane al pane e vino al vino: ha paura che mi incazzi, giri i tacchi e me ne vada! Vi dico già che io non sono così, quindi armatevi di pazienza che mi dovrete sopportare ancora per un sacco di anni. Consideratelo un buon proposito per il 2018  (e 2019 e così via …)

Tornando a Gwen, in privato io e lei abbiamo già affrontato l’argomento stamattina, ma non sono riuscito a fare un discorso organico. O meglio, ho affrontato il discorso “di te mi fido” ma non quello “non me ne vado”.

Di te mi fido

Conosco Veronica, so come pensa, come ragiona, e so quanto mi ama, quindi l’idea che mi possa lasciare per un altro proprio non mi sfiora. Io da parte mia cerco di meritarmi il suo amore. Poi ci sarebbe il discorso del poliamore, cosa che a me sembra una cosa perfettamente ragionevole anche se non è nelle mie corde, quindi non sarebbe affatto un problema per me. Io amo Veronica, e se qualcun’altro le dimostra affetto perché dovrei risentirmene? 

Io non me ne vado 

Veronica teme che se lei è oggetto di attenzioni da parte dell’altro sesso, io mi senta autorizzato ad accogliere quelle dell’altro sesso verso di me, e che trovi qualcuna meglio di lei, o che riesumi una vecchia fiamma e che quindi, in entrambi i casi mi stanchi di lei e la pianti. È questo l’argomento che avrei dovuto affrontare stamattina con lei.

Allora … innanzitutto so distinguere le responsabilità. Questo messaggio di Adriano non è stato cercato da Veronica, quindi lei è totalmente innocente. Poi … Il mio cuore, anche se pare grande, ha una sola camera matrimoniale. Tutto il resto sono stanzette piccole. Con questo non voglio dire che il mio cuore ha la forma giusta e quello di Veronica no. Semplicemente io ho il cuore fatto così, come ho il 42 di piede. È una constatazione, non un giudizio. 

Lo so che sono gnocco, sexy, gran scopatore, dolce, romantico, protettivo, divertente, gran scrittore, peloso … ma come dicevo, ho il 42 di piede.

Vecchie fiamme? Lo ammetto, un paio sono ferite che mi fanno ancora male, ma mi fanno male perché avremmo potuto restare amici, non ci eravamo fatti torti! Comunque masochista lo sono stato per troppo tempo e non mi va più. E poi vi devo confessare una cosa, ma che resti tra noi … non ho mai conosciuto una donna così completa come Veronica.

Quindi io non sono geloso? Lo sono eccome invece! Guai se qualcuno fa dispiacere alla mia piccola Gwen! Guai a lui!

Se invece è una brava persona come lo è indubbiamente Adriano, che conosco bene, è la benvenuta, e se dovesse andare sopra le righe Veronica sa gestire la cosa e quindi non me ne preoccupo. Io intervengo solo se me lo chiede lei o se vedo che la cosa rischia di sfuggirle di mano. Tipo se qualcuno esprime concetti che non sono aperti a visioni diverse. Lì avverto il pericolo e ne parlo con Veronica. 

Infine, vista la situazione generale, ma vi sembra che io abbia energie da sprecare a fare il geloso stile classico? Personalmente preferisco profondere le mie poche forze in cose positive, che facciano felice la mia amata. 

Ecco, mi sembra di aver sviscerato completamente l’argomento. Se in alcuni punti ho usato una cifra umoristica è per alleggerire la gravezza del tema e per far capire che il post di Adriano non è un problema per me. Per il resto questo mio discorso è serissimo! Io voglio la felicità di Veronica. La voglio felice, non mia (se poi le due cose combaciano, meglio!) Punto. 

A. 

Scusate…

…se mi intrometto! Sono Adriano, forse scriccioletta vi ha parlato di me…ma visto che devo partire, voglio lasciargli un pensiero qui! Un abbraccio e buon anno a tutti!

Stanotte è la vigilia di San Silvestro, poco mi interessa dove passerò questa notte, anzi non mi interessa per nulla. Non mi interessa se la passo per strada, in discoteca, o se la passo in qualsiasi altro modo del mondo, o se, in questo caso, la passo appoggiato sul tuo lettino d ospedale seduto su di una sedia guardandoti. Non mi interessa del giorno, di quello che stanno facendo gli altri, di quello che si fa, e altrettanto del fatto che tutti domattina si sveglieranno dopo una bella sbronza.

A me interessa svegliarmi accanto a te, e sentirmi dire “sto meglio”, anzi ti sveglierò io perche di sicuro non dormirò, mi interessa strapparti un sorriso con delle cuffie ed un cellulare nel momento in cui mi hai detto “io quest’anno non ho visto Il grinch”. E invece lo vedrai, perche ho preparato tutto per renderti felice. Mi interessa solo di te, e nient altro, perché il mio Natale è il tuo sorriso, il mio regalo sei tu.
Auguri di Buon Anno scriccioletta..
Ti voglio bene.
Adri.

Neve…

.”Camminerò sotto il suo gelo

camminerò mentre mi coprirà…scendendo lentamente

sarò ricoperto dal suo soffice manto

tutt’attorno a me, sarà bianco e lucente.

Afferrerò con la mano un fiocco freddo e pungente

che mi renderà inerme il tatto al suo tocco

e poi sognerò in quella magica atmosfera…

sognerò il colore di due luci abbaglianti

che si trasformano per magia in una visione.

Una visione che scriverò in quel bianco accecante…

parlerà di te…parlerà di me….parlerà di noi…

parlerà e farà un gran rumore

irrompendo in questo tacito silenzio

raccontando in ogni fiocco una parte di quel suono

che sogno se chiudo gli occhi…e volo

nei nostri pensieri incisi

e risplenderanno come la favola più bella.”

Gwen💜